Non sono circostanze remote o improbabili: numerosi studi dermatologici ormai, confermano i rischi concreti e consigliano di fare un uso oculato delle lampade abbronzanti.

Spesso non si tiene conto infatti, che il periodo di esposizione ai raggi ultravioletti non si limita alla mezz’ora in cui siamo sdraiati sul lettino del centro estetico: nel corso della giornata, possiamo ulteriormente esporre al sole diverse parti del nostro corpo, andando ad aggiungere radiazioni a quelle già precedentemente assorbite.

Abbronzatura ad ogni costo: ne vale davvero la pena?

Nonostante il personale sanitario sia sempre prodigo di avvertimenti e consigli di usare il buon senso, continuano ad essere molte le persone che recepiscono poco e malvolentieri tali indicazioni.

Gli adolescenti e le donne sotto i 45 anni, sono le fasce di popolazione che, numeri alla mano, sono più “duri d’orecchi”: conseguentemente, sono anche quelle che riportano lesioni cutanee più serie, tavolta anche permanenti.

Sembra che vi sia un vero e proprio senso di assuefazione dato dall’abbronzatura da solarium: chi frequenta assiduamente i centri estetici, è più portato infatti ad eccedere nell’uso di lettini e lampade abbronzanti, poichè sviluppa il desiderio di un colorito sempre più marcato.