Oggi sono sempre più le donne che decidono per la libera professione aprendo una partita iva: ma quali sono i diritti principali che spettano loro?

 

Nell’arco del tempo la figura della donna è andata evolvendosi: se prima era solo dedita alla casa e alla cura dei figli e del marito, specie nelle famiglie di tipo patriarcale, con la rivoluzione femminile e le battaglie del 1968 che videro un cambiamento di epoca generazionale, anche la figura della donna è cambiata emancipandosi, staccandosi dalla figura di madre e casalinga e iniziando a far valere i propri diritti anche nel mondo del lavoro.

I diritti delle donne lavoratrici a partita iva

Oggi sempre più donne decidono per la propria indipendenza economica scegliendo di abbracciare la libera professione oppure di svolgere un lavoro in maniera completamente autonoma. La scelta di avere un lavoro autonomo e quindi di svolgere un’attività di tipo imprenditoriale presume quindi l’apertura della partita iva. Ma quali sono quindi i diritti delle donne che decino di intraprendere questo tipo di carriera?