Diversi fenomeni di maltempo sono in arrivo nella nostra penisola: ecco quali sono le regioni più a rischio secondo le previsioni

Nel corso degli ultimi tempi, ci sono stati numerosi episodi di maltempocompresi anche dei fenomeni atmosferici piuttosto strani e curiosi, come ad esempio delle trombe d’aria che non sono poi così tanto frequenti, che sono riuscite a creare preoccupazione e disastri un po’ in tutta la penisola italiana. Un meteo sicuramente bizzarro, in cui forti piogge e grandinate si sono alternate ad altre giornate in cui l’afa e le alte temperature hanno provocato numerosi malori.

E sembra che nei prossimi giorni la situazione sia tutt’altro che rosea. Se, infatti, il caldo e l’umidità elevata hanno imperversato nella maggior parte delle regioni italiane, nei prossimi giorni sono previste novità poco piacevoli. Infatti, il pericolo principale è rappresentato da un nucleo di depressione che si trova per il momento sulle Baleari e che pian piano sta raggiungendo la Sardegna.

maltempo

Ecco quali sono le quattro regioni per cui è prevista allerta gialla

Piemonte e Sardegna, quindi, potrebbero essere le prime regioni coinvolte in forti attività di carattere temporalesco, già a partire da questa mattina. Tali fenomeni, chiaramente, non saranno leggeri, ma saranno caratterizzati da manifestazioni davvero molto intense. Tra rovesci di pioggia decisamente forti, tuoni e fulmini, non mancherà anche l’alto rischio rappresentato dal vento, che potrebbe rappresentare una pericolosissima variabile impazzita. Senza contare pure come siano previste delle grandinate molto intense a livello locale.

Di conseguenza, un po’ tutti i centri meteo della penisola italiana hanno diramato una vera e propria allerta gialla per ben quattro regioni: si tratta della Sardegna e del Piemonte, come detto in precedenza, ma il pericolo è reale anche per Umbria e Marche. In ogni caso, il maltempo dovrebbe proseguire fino alla fine della settimana, per colpa del vortice di bassa pressione che stazionerà sul basso Tirreno e che porterà in dote un gran numero di attività temporalesche in buona parte delle regioni del Centro-Sud.