Alberto Pastore uccide Yoan Leonardi, accoltellandolo: l’epsiodio di cronaca a Novara

La comunità di Novara, in queste ultime ore, si è ritrovata catapultata su tutti i media per un episodio di cronaca che ha indignato l’opinione pubblica italiana: il giovane Alberto Pastore ha ucciso il 23enne Yoan Leonardi, sferrandogli diverse coltellate. Il giudice di Novara ha immediatamente convalidato l’arresto di Alberto Pastore per via cautelare. Domani verrà fatta l’autopsia sul corpo della vittima. Ma perchè c’è stato questo omicidio? L’avvicinamento di Yoan Leonardi all’ex fidanzata dell’omicida, gli è costata la vita. Alberto, dopo una violenta lite in macchina con l’amico per via della sua frequentazione con Sara, ha deciso di accoltellarlo a morte.

Novara, Alberto Pastore confessa l’omicidio di Yoan Leonardi: “Ho preso il coltello e l’ho colpito!”

Alberto Pastore e Yoan Leonardi, in auto insieme nel Novarese, hanno avuto una violenta lite. Difatti il primo, accecato dalla gelosia per la sua ex fidanzata, sospettando che si frequentasse con la vittima Yoan Leonardi, gli ha chiesto di vedere le chat che si sono scambiati i due. Ma al rifiuto di quest’ultimo è successo ciò che nessuno si sarebbe mai aspettato: Alberto Pastore ha estratto un coltello dal cruscotto della macchina e ha accoltellato l’amico. Il tutto l’ha confessato lui stesso al commissariato di polizia, asserendo: “Ho preso il coltello che porto sempre in macchina, e l’ho colpito…”

La Procura di Novara ha già fatto sapere di voler comunque interrogare una seconda volta Alberto Pastore per chiedergli altri particolari su questa vicenda su cui ancora troppe cose sono da chiarire.