L’inserimento all’asilo è un momento delicato, non solo per i bimbi, ma anche per i genitori: ecco alcuni consigli per viverlo al meglio

Perché l’inserimento all’asilo viene vissuto in maniera così traumatica da entrambe le parti? Si può affermare che esso rappresenta la prima reale separazione tra i due. Il bambino deve riuscire a farcela da solo, perché si troverà in un contesto nuovo, diverso da quello familiare.
Durante questo distacco, il comportamento dei genitori è fondamentale.

Se si mostreranno ansiosi, lo trasmetteranno inavvertitamente al figlio, che apparirà insicuro e spaventato. Al contrario, egli, ha bisogno di essere incoraggiato, per poter instaurare delle relazioni, sia con i coetanei e sia con le maestre e pian piano capirà che la scuola è un luogo ideale, in cui è possibile imparare, divertendosi.

Ma, tutto questo, non è sempre facile da attuare, specialmente quando i genitori sono alle prese con il primo figlio e non hanno mai sperimentato una situazione simile.

Come funziona l’inserimento all’asilo? Ecco dei consigli per cercare di gestire al meglio le difficoltà

Spesso si assiste a delle scene di pianti e di disperazione dei bambini, che non vogliono a nessun costo lasciare andare via i propri genitori.
Generalmente, è proprio questo il primo approccio con questo nuovo mondo. Niente paura!

LEGGI ANCHE

→ Come scegliere la baby sitter perfetta

→ Disegni dei bambini: come interpretarli e a cosa prestare attenzione

→ Come insegnare l’educazione ai propri figli: le regole d’oro