Per avere un viso sempre giovane e fresco, la crema è essenziale: non serve però spendere tanto, ci sono anche ottime creme low cost!

Con tutto rispetto per le grandi marche, è importante sfatare un mito, che vale per qualsiasi prodotto ed in primis le creme viso: per avere un buon prodotto non serve necessariamente che spendiate un patrimonio. Nell’era del business, in cui tutto diventa monetizzabile, spesso si approfitta della tendenza del momento per fare lievitare i prezzi, oppure è il brand conosciuto ad usare il suo nome per far passare un prodotto automaticamente come qualitativo.

Se siete capaci o se amate il settore, potete trovare delle informazioni online e riuscire a capire quali sono gli ingredienti da evitare e quali sono invece ottimi per la salute della pelle.

Alcune creme low cost con un buon inci

Se siete amanti dei prodotti naturali, esiste una crema che vi stupirà piacevolmente, si chaiama ViviVerde Coop. Si tratta di una crema idratante e protettiva per la pelle del viso, non contiene oli minerali (come la paraffina), parabeni, profumi sintetici e coloranti; è invece resa ricca dalla presenza del the verde, della stella alpina e dell’olio di jojoba.

Sin dalle prime applicazioni la sua texture leggera ne permette l’assorbimento ed è adatta non solo alle amanti del naturale, ma anche a chi vuole un buon prodotto a basso costo.

Proseguendo sulla linea del bio, si possono accontentare non solo le donne che vogliono evitare paraffine, siliconi e parabeni, ma anche tutte voi che siete alla ricerca di prodotti rigorosamente cruelty free, come la Crema viso alla Rosa Mosqueta dei Provenzali.

È una delle creme migliori e più economiche che troverete sul mercato; oltre alla rosa mosqueta, sono presenti burro di karité e betaina vegetale, ingredienti perfetti per chi vuole idratare, ammorbidire e proteggere la pelle. È adatta soprattutto a chi ha la pelle grassa o mista.

LEGGI ANCHE

→ INCI nei cosmetici: cos’è e come si legge

→ Come ridare la giusta idratazione alla pelle dopo l’estate

→ Scrub, gommage e peeling: quale scegliere per rinnovare la pelle?