Come tutti gli anni, avvicinandosi ai mesi più freddi, si inizia a parlare dei primi casi di virus influenzale: ecco tutto quello che bisogna sapere

L’influenza è una malattia respiratoria stagionale contagiosa, che si manifesta con caratteristiche precise ogni volta e si contrae soprattutto nel periodo autunnale ed invernale. I sintomi previsti per questa stagione 2019/2020 sono:

  • febbre alta;
  • mal di gola;
  • raffreddore;
  • dolori muscolari;
  • mal di testa e dolore cervicale;
  • stanchezza e brividi;
  • nausea, vomito, diarrea.

Pare che i ceppi coinvolti in nell’ondata di influenza 2019/2020 siano 4: il primo caso registrato riguarda una bambina di Parma che ha contratto un virus B, non particolarmente aggressivo. Sembra che il più ostico sia l’ A-H3N2, responsabile di una serie di complicanze a livello polmonare.

Diversamente dallo scorso anno, i primi disturbi potrebbero già comparire ad inizio autunno, quindi tra la fine di settembre e i primi di ottobre, e rivelarsi piuttosto insidiosi. Si stima, inoltre, che gli italiani fermi a letto quest’anno saranno circa 6 milioni, cifra in lieve diminuzione rispetto alla passata stagione.

Qualche consiglio pratico

Come si sa, evitare totalmente il contagio non si può. In ogni caso, come recita il famoso detto popolare, prevenire è sempre meglio che curare. Per questo motivo si possono mettere in pratica delle piccole accortezze per cercare di ridurre al minimo la possibilità di ammalarsi.

buon metodo per contrastare il virus influenzale è quella di lavarsi le mani con frequenza, così da minimizzare la possibilità di trasmissione del virus. Cercare di evitare gli sbalzi di temperatura può senza dubbio aiutare, così come avere un’ alimentazione sana ed equilibrata.

LEGGI ANCHE

→ Dolore cervicale: cosa fare se ne soffri

→ Morbo di Chron: sintomi e cura

→ La tiroide funziona male: ecco i sintomi inconfondibili