Uno dei grandi problemi del nostro tempo è l’inquinamento atmosferico, di cui ormai i mezzi di comunicazione parlano quotidianamente

Tuttavia, nonostante il grande interesse attorno ad esso, i danni che arreca alla salute e all’ambiente non sono ancora abbastanza noti. Ebbene, esserne a conoscenza è importante, specialmente per chi vive in città la propria quotidianità e quindi è maggiormente esposto a quelli che sono gli effetti negativi sulla salute e sull’ambiente.

Gli effetti sulla salute dell’inquinamento dell’aria

Uno degli effetti più negativi che l’inquinamento dell’aria porta in dote è costituito dall’aumento della possibilità di angina, ovvero di avere un infarto. Secondo recenti studi, anche chi vive in realtà dove il limite delle polveri sottili è rispettato, deve fare i conti con un rischio di angina che può aumentare anche del 15%.

Altri studi hanno dimostrato come l’esposizione ai tubi di scarico delle autovetture comportano il rischio di un peggioramento della qualità del sangue, con conseguente maggior rischio di patologie cardiovascolari.

Un altro effetto negativo sulla saluta causato dall’inquinamento dell’aria riguarda direttamente le donne: secondo alcuni stufi scientifici americani, vivere in zone urbane dove l’inquinamento dell’aria è più marcato, comporta un maggior rischio di un parto prematuro, con tutto ciò che quest’ultimo comporta in fatto di pericoli per la salute della mamma e del nascituro.

Inoltre chi è appena diventata mamma e dovesse scoprire che il proprio figlio soffre d’asma, dovrebbe quasi certamente ricercare le cause di tale patologia, sempre nell’inquinamento dell’aria, in quanto gli esperti sono arrivati negli anni alla conclusione che il 15% de casi di asma cronica nei bambini è dovuto agli effetti inquinanti del traffico cittadino. Infine, un dato noto da anni è quella della stretta connessione tra inquinamento dell’aria e cancro di natura polmonare.

LEGGI ANCHE

→ Influenza 2019/2020: tutto quello che c’è da sapere

→ Buoni propositi per l’autunno: come iniziare al meglio il nuovo anno

→ Dolore cervicale: cosa fare se ne soffri