Il lavoro da casa è sempre più diffuso, e questa modalità di svolgere una professione ha i suoi indubbi vantaggi, primo fra tutti quello della flessibilità

Lavorare da casa rientra, a tutti gli effetti, tra le professioni più desiderate dalle donne per tutti gli aspetti di comodità che l’home working porta con sè. Alcuni aspetti sono da curare in modo particolare, in special modo l’organizzazione del proprio spazio ufficio, che dovrà essere funzionale e fornire tutto ciò che serve.

Lavorare da casa: come organizzare il proprio working corner

Il punto di partenza è di sicuro quello di decidere quale spazio sarà adibito alla propria attività. Non è indispensabile disporre di una stanza dedicata, anche se sarebbe preferibile disporre di uno studio separato dagli altri ambienti, al fine di concentrarsi meglio ed evitare il più possibile interruzioni.

Al di là della metratura a propria disposizione, occorre organizzare per bene la scrivania, i cassetti e la strumentazione tecnologica che sarà di supporto all’attività.

Il desk dovrebbe essere ampio e spazioso, con la luce che proviene dalla parte sinistra rispetto a dove ci si siede; la seduta ideale ha lo schienale piuttosto alto, con ruote girevoli e la base regolabile. Per quanto riguarda i braccioli, questi sono a discrezione di chi utilizza la poltrona.

La parete di fronte alla scrivania dovrebbe essere dedicata all’apposizione di un calendario e una bacheca/lavagna per appunti, post-it e quant’altro necessario a memorizzare con efficienza informazioni utili a svolgere il lavoro con efficienza.

Se il lavoro da svolgersi a casa richiede materiale tecnico quale calcolatore con rotolo, oppure forbici e altro materiale di cancelleria, è opportuno dotarsi di una cassettiera con ruote, da porre preferibilmente al di sotto della scrivania, sotto il piano di lavoro.

LEGGI ANCHE

→ 5 start up al femminile che hanno avuto successo

→ Come diventare copywriter (e lavorare online)

→ I diritti delle lavoratrici a partita iva