Tutti i giorni ciascuno di noi passa ore ed ore al cellulare, diventato ormai indispensabile: ma è vero che fa male? Scoprilo in questo articolo

Il perfezionamento dei dispositivi smartphone ha di certo semplificato il modo in cui ci approcciamo al mondo, rendendo le informazioni disponibili in ogni momento.

Infatti, i cellulari, che prima utilizzavamo solo per chiamare e mandare messaggi, al giorno d’oggi presentano tantissime funzioni di cui fruiamo quotidianamente. Ma quali sono realmente le conseguenze di un utilizzo prolungato dello smartphone? Vediamole nel dettaglio.

Studi effettuati: i vari punti di vista

Le ricerche realizzate negli ultimi anni, in realtà, mostrano risultati contrastanti. Uno studio statunitense effettuato nel 2015 da CBTRUS (Central Brain Tumor Registry of the United States) non evidenzia nessi tra l’utilizzo di cellulari e l’insorgenza di tumori al cervello.

Invece, una ricerca del 2011 portata avanti dall’Iarc, l’associazione internazionale per la ricerca sul cancro, segnala un rischio concreto, legato ala continua esposizione ai campi elettromagnetici che provocano danni esattamente come fa, ad esempio, l’inquinamento dell’aria.

La questione è ancora complessa e da definire, soprattutto perché molte ricerche sono in corso e ci vorranno anni per poter comprendere totalmente le conseguenze del fenomeno. I dati comunque parlano chiaro: pare che il 50% di noi controlli il cellulare ogni 30 minuti, che spesso utilizziamo anche mentre guardiamo la televisione (79% degli intervistati).

LEGGI ANCHE

→ Inquinamento dell’aria: tutti gli effetti negativi sulla salute e sull’ambiente

→ Le app che ti aiutano ad organizzare il tuo lavoro

→ Trucchi per scoprire la posizione del tuo lui da whatsapp