Labbra screpolate, quando diventano un campanello d’allarme? Scopri in questo articolo tutti i rimedi per averle sempre sane e belle, a prova di bacio

Ritrovarsi con le labbra screpolate è particolarmente frequente durante la stagione invernale. Questa parte del viso è ricoperta soltanto da un sottilissimo strato corneo: è suscettibile al freddo, perennemente esposta alle intemperie e agli sbalzi di temperatura di cibi e bevande.

Ma come prendersene cura? I rimedi non possono ignorare le cause che provocano questo antiestetico e, spesso, doloroso inestetismo. Freddo, traumi, infezioni di comunissimo riscontro, mancanza d’idratazione, regime alimentare non adeguato, comportamenti sbagliati e condizioni non idonee di umidità favoriscono l’insorgenza delle tanto indesiderate screpolature.

Va ricordato, inoltre, che intervenire in modo tempestivo influisce positivamente anche sulla zona circostante. Massaggi, creme, scrub e accorgimenti dietetici hanno un effetto riducente sulle rughe, rendendo tutto il volto visibilmente più giovane.

I rimedi esterni per le labbra screpolate

Trattandosi di una zona quasi priva di ghiandole sebacee, le labbra non possiedono un film idro-lipidico protettivo paragonabile a quello della pelle. Pertanto necessitano di prodotti mirati a proteggerle dall’esterno.

• Usare un balsamo per labbra o un burro-cacao. Ormai ne esistono di vari tipi: da quelli classici ai prodotti a rapido assorbimento, colorati o con aggiunta d’ingredienti idratanti.

• Non toccare le labbra screpolate con le dita, né prendere l’abitudine d’inumidirle con la saliva.

• Stendere un primer prima del trucco, specie prima di stendere il rossetto, immediatamente dopo l’applicazione della crema per il viso.

• Applicare i prodotti base per il volto anche a questa zona e fare dei trattamenti con creme specifiche, evitando rossetti mat che possono seccare ulteriormente le labbra.

LEGGI ANCHE

→ Rossetto rosso: come stenderlo in modo perfetto e a chi dona

→ Quale rossetto scegliere in base al tipo di labbra

→ Herpes labiale: come contrastarlo efficacemente