Nel 2020 occorre ancora conseguire una Laurea per trovare lavoro? O le cose stanno cambiando? Ecco alcune riflessioni sull’argomento “laurea sì o laurea no”

 

Il mondo del lavoro è mutato notevolmente negli ultimi anni, a favorire il cambiamento è stato l’avvento dei social network che hanno portato alla nascita di nuove figure lavorative autonome ed imprenditoriali per cui non è richiesto un livello di istruzione come biglietto di ingresso.

Questa involuzione per cui in passato avere una laurea poteva simboleggiare l’occasione di trovare un lavoro più remunerativo, quando ad oggi il livello di disoccupazione di chi è Dottore/Dottoressa ha raggiunto livelli davvero altissimi, tanto è che i laureati si trovano impiegati in stage o lavori non retribuiti o sottopagati, ha fatto emergere il dubbio che nel 2020 avere una laurea possa essere non più necessario o conveniente.

In media risultano i più occupati coloro che hanno un titolo di studio inferiore, addirittura la terza media.
Tuttavia, possedere una laurea è d’obbligo se si vuole accedere a determinate professioni, ragion per cui in alcuni rami nel 2020 avere una laurea può ancora essere utile.

Laurea e lavoro

Il binomio laurea e lavoro non è un’associazione obbligatoria, si registra un involuzione, a trovare un impiego sono spesso e volentieri coloro che svolgono lavori manuali, di gran lunga ben inseriti sono i make up artist, i curatori di immagine, parrucchieri e via dicendo.
Se si considera il mondo virtuale, un influencer, ad oggi, ha un reddito mensile superiore a quello che potrebbe guadagnare un laureato in 1 anni di lavoro.

LEGGI ANCHE

→ Professioni: le 5 più richieste del 2020

→ Assicurazione per il lavoro: tipologie, quale scegliere e quando

→ I migliori siti online per cercare lavoro