Comunque questo biodizionario risulta essere da quasi 20 anni, il canale più utilizzato e ricercato in Europa per svolgere tutte queste funzioni riportate in precedenza.

Questo biodizionario comunque funziona così, una volta che inserisci il nome dell’ingrediente nel motore di ricerca, cominciano a comparire dei piccoli bollini di diverso colore, che vanno a classificare lo specifico componente in base ad una serie di fattori valutati, che sono ad esempio livello di tossicità per la persona, sostenibilità per l’ambiente, biodegradabilità e molti altri.

Entrando più nei dettagli, due pallini verdi indicano che l’ingrediente è valido; un solo pallino verde invece significa che l’ingrediente è accettabile; un pallino giallo che la sostanza è dubbia; un pallino rosso significa che l’ingrediente è altamente sconsigliato; se vi sono invece due pallini rossi la sostanza è inaccettabile.