Sei una libera professionista, hai una partita iva e vuoi sapere se devi anche iscriverti alla Camera di Commercio e con quali costi? Scopri di più nel nostro articolo

La Camera di Commercio è l’ente autonomo, soggetto di diritto pubblico, in possesso di funzioni amministrative, promozione e supporto all’attività economia a livello territoriale. Possiamo dunque attribuirle vari compiti tutti atti ad agevolare lo svolgimento commerciale sul territorio competente. Presso la Camera di Commercio è custodito il Registro delle Imprese, cioè l’anagrafe delle attività imprenditoriali, in esso sono presenti le informazioni, come il patrimonio oppure le attività amministrative, di una determinata impresa.

Obbligo di iscrizione alla Camera di Commercio

Come si desume, presso la Camera di Commercio devo iscriversi obbligatoriamente quelle attività economiche con forma di impresa. Dobbiamo porre distinzione tra chi è obbligato ad iscriversi presso la sezione ordinaria da chi deve presso quella speciale.

Nel primo caso parliamo di:

· società di persone, capitali e cooperative;

· imprenditori commerciali;

· consorzi aventi attività esterna;

· società con forma consortile;

· altri soggetti secondo precisi obblighi stabiliti dalla normativa in vigore;

Nel secondo caso, ovvero per l’obbligo di iscrizione presso la sezione speciale, devono:

· persone fisiche o giuridiche svolgenti attività imprenditoriali agricole;

· coltivatori diretti;

· piccoli imprenditori con attività commerciali;

· imprese di artigiani regolarmente iscritte all’Albo delle Imprese Artigiane.

Come si evince, i liberi professionisti non sono obbligati all’iscrizione presso la Camera di Commercio, sebbene siano in possesso di Partita Iva. Essi sono obbligati all’iscrizione presso i propri albi professionali, se esistenti, in caso contrario devono solo registrarsi presso la Gestione Separata dell’INPS. Da ricordare sempre, l’iscrizione presso la Camera di Commercio soddisfa precisi requisiti legislativi, come conseguenza la mancanza comporta impossibilità di eseguire determinate operazione e l’applicazione di relative sanzioni.

Inoltre offre dei vantaggi, come i vari servizi presenti presso le proprie Camere di Commercio territorialmente competenti.

LEGGI ANCHE

→ Cosa cambia per le p.iva nel 2020: tutte le novità

→ 5 start up al femminile che hanno avuto successo

→ 730, 740 e CU: differenze e scadenze