Quando parliamo di Couperose facciamo riferimento a quegli inestetismi della pelle che portano alla formazione di chiazze rosse causate dalla dilatazione dei capillari sanguigni

Tutto ciò avviene soprattutto nella zona del viso. Questa patologia colpisce per lo più il sesso femminile e soprattutto si sviluppa a partire dai 25 anni. Oltre a ciò può essere anche considerata come la prima fase di un noto disturbo chiamato Acne Rosacea, una patologia che porta alla formazione di lesioni papulo-pustolose. Ma come bisogna trattare questa patologia? Andiamo a scoprire insieme i vari trattamenti a cui porre rimedio.

I rimedi naturali per la Couperose

Prima di intervenire con i vari rimedi naturali, bisogna attuare una serie di comportamenti utili per prevenire la comparsa o l’evoluzione della Couperose. Tra i principali comportamenti da attuare c’è in primis l’eliminazione del fumo, evitare sbalzi termici o la vicinanza del viso a fonti di calore troppo elevate. Oltre a ciò è necessario seguire un‘alimentazione equilibrata, evitando cibi grassi, bevande alcoliche e caffè e assumendo cibi contenenti Vitamina C e P come per esempio frutti rossi, che svolgono il ruolo di protezione dei capillari.Anche il controllo dell‘INCI nei cosmetici, prediligendo quelli più delicati, può aiutare.

Dunque, dal punto di vista dei rimedi naturali è possibile interventi con i seguenti:

  • Camomilla: all’interno di essa ci sono due principi attivi come l’azulene e il bisabolo che svolgono il ruolo di ridurre il rossore e calmare la zona irritata.
  • Aloe Vera: sia sotto forma di gel o crema l’aloe vera svolge un’azione antinfiammatoria e antibatterica grazie alla presenza di Antrachinoni Catartici. Oltre all’aloe vera esistono altre piante vaso protettrici come la vite rossa o l’ippocastano, piante lenitive come la malva o la calendula etc.
  • L’arnica: questo prodotto si trova in erboristeria e ha anch’esso la funzione di sfiammare la zona arrossata.
  • Oli essenziali: uno degli olii più utilizzati che vanno a ridurre l’infiammazione sono l’olio di rosa mosqueta e l’olio di borragine.

LEGGI ANCHE

→ Laser viso per una pelle liscissima: pro e contro

→ Face Mist: cos’è e a chi è consigliato

→ INCI nei cosmetici: cos’è e come si legge