Un safari in Africa è il desiderio nascosto di molti amanti della natura e soprattutto dei viaggi: ecco dove andare e cosa è meglio sapere prima di partire

Poter vedere da vicino gli animali che magari fino a quel momento abbiamo ammirato solo su documentari e canali dedicati è un’esperienza unica che tutti almeno una volta nella vita dovrebbero o vorrebbero fare, se a ciò si aggiunge la possibilità di restare estasiati dalla visione di tramonti infuocati e notti stellate, che si possono ammirare solo in Africa, allora è proprio una meta imperdibile.

Non un semplice viaggio ma avventura pura

Il safari in Africa non è un viaggio come tutti gli altri, ma sicuramente è un viaggio che cambierà la tua vita. È un viaggio per chi ama l’avventura e la natura, è un’esperienza per chi vuole riscoprire il contatto con la natura e il suo istinto naturale. Nei safari di solito è possibile ammirare infatti lotte per la sopravvivenza tra animali, tra predatori e prede senza esclusione di colpi. Tutto ciò accade su uno sfondo naturale mozzafiato, irripetibile fuori da questi contesti.

È un viaggio all’insegna del nuovo, della natura e della praticità, potresti riscoprire la tua indole primordiale ed esserne stranamente compiaciuta. Il safari è un punto di inizio per una nuova fase della tua vita, si resetta tutto quando inizia il tuo viaggio e ti immergi in spazi , quali foreste pluviali o bush africano o anche le pianure della Tanzania in cui probabilmente non tornerai mai più e quindi è fondamentale cogliere l’occasione per assaporare la natura quella vera e non artefatta, per riscoprire il senso puro della parola terra e scoprire che tra noi e Lei quel legame non si è mai spezzato.

Quando andare?

In effetti vista la grande estensione del continente africano, i periodi in cui è possibile andare a fare un safari in queste zone è pressoché illimitato. Occorre tenere presente che se si vuole viaggiare nei mesi invernali, quindi tra dicembre e marzo, allora dovrete orientarvi su mete quali il Kenya, la Tanzania o l’Uganda. Viceversa se invece preferite il caldo dell’estate per viaggiare allora sarebbe preferibile andare a svolgere il vostro safari in Sudafrica o il Namibia. Bisogna puntualizzare però che se si desidera assistere ad alcuni eventi naturali di eccezionale cadenza esistono degli specifici periodi dell’anno.

Ad esempio se si desidera assistere alla migrazione degli gnu in Kenya (Masai Mara) allora occorrerà recarsi in loco a luglio, agosto o settembre. Se si desidera avvistare alcuni animali nei parchi della Tanzania allora è preferibile visitarla nella stagione secca, quindi tra ottobre e novembre.

LEGGI ANCHE

→ Le tappe imperdibili di un viaggio in Brasile

→ Fioritura dei ciliegi Giappone 2020: quando partire

→ Sogno americano: cosa visitare durante un viaggio negli Usa