La Pasqua è ormai dietro all’angolo e bisogna prepararsi per trascorrerla a casa con i bambini. E quale miglior modo di farlo, se non fare dei lavoretti?

In questo modo sarà possibile tenere occupati i più piccoli per il tempo necessario. Inoltre, i lavoretti da svolgere a casa sono anche un ottimo modo per divertirsi tutti insieme facendo qualcosa di utile. Ma quali sono i 3 lavoretti da fare a casa con i bambini? Ecco un paio d’idee.

1) Pulire la casa (o la stanza)

Se si vuole fare qualcosa di utile e particolarmente educativo per la Pasqua, non si può proprio fare a meno di prendere in considerazione l’idea di farsi aiutare dai più piccoli nelle pulizie primaverili. Al di fuori da ogni dubbio si tratta di uno di quei lavori che, se svolti tutti insieme, possono dare davvero moltissime soddisfazioni. Se poi si fa partecipare a questo lavoro tutta la famiglia, diventa una vera e propria attività di gruppo, per giunta di quelle incredibili. Bisogna comunque ricordarsi che si tratta di una di quelle attività che vengono svolte per lo più per intrattenere i più piccoli e non bisogna stressarli obbligando a pulire tutto da soli. Partecipando alla pulizia, divertendosi è possibile anche imparare. Inoltre è meglio ricordarsi di non dare ai bambini troppo piccoli dei detergenti potenzialmente pericolosi per la loro salute. Stesso discorso vale per il cucinare insieme, magari trovando ricette divertenti per convincerli a mangiare le verdure!

2) Perché non leggere delle fiabe?

Leggere delle storie ai più piccoli sviluppa in questi una grande creatività, ma è ancora meglio se sono loro stessi a provare a leggere. Certo, i bambini devono comunque aver imparato a farlo, ma se sanno come si legge, perché non stimolare questi a raccontare delle storie al papà o ai bambini più piccoli? In fin dei conti, una storia è sempre una specie di viaggio e la lettura può essere a tutti gli effetti considerata come un lavoretto creativo e stimolante.

LEGGI ANCHE

→ Libri per bambini: 5 titoli da comprare ai vostri figli

→ Come convincere i bambini a mangiare le verdure

→ Scarpe bambini: come scegliere quelle giuste