Per chi ama muoversi a piedi ed è alla ricerca di esperienze di viaggio sicuramente uniche e particolari, l’Italia offre diversi cammini: eccone 5

Questi cammini fatti di sentieri, panorami mozzafiato, natura, monumenti, scavi ed esperienze gastronomiche sono, molto spesso, anche profondamente spirituali. Nella nostra penisola, al giorno d’oggi, esistono almeno una quarantina di cammini riconosciuti ufficialmente come tali, nel senso che rispondono a determinati requisiti: si tratta di percorsi abbastanza lineari e che si possono seguire in totale sicurezza, con una percentuale di asfalto inferiore al 40%, con varie tappe dotate di appositi servizi per gli utenti, con un servizio di vigilanza durante il tragitto, ecc.

Di questi cammini, molti fondano le loro radici nella religione e si ispirano a qualche Santo. Spiritualità e passione per le camminate, si fondono così in un nuovo modo di viaggiare in cui si ha la possibilità di scoprire luoghi insoliti, immersi nella natura più incontaminata, e di riprendere in mano il proprio tempo.

A livello mondiale, forse il più famoso itinerario religioso è quello di Santiago di Compostela, in Spagna. Ma anche l’Italia offre tante bellissime opportunità, vediamo quali sono alcune tra le più caratteristiche.

LA VIA FRANCIGENA (O CAMMINO SIGERICO)

Il tragitto completo originario va da Canterbury a Roma e misura circa 1600 km, mentre il tratto italiano, che parte in pratica dal Gran San Bernardo ed arriva fino alla capitale, è lungo poco meno di 950 km. Volendo percorrere tutto il tratto italiano, bisogna mettere in conto almeno un mese e mezzo di tempo se ci si muove a piedi, e una quindicina di giorni se ci si sposta invece in bicicletta.

Un tempo, percorrere la Via Francigena, con le sue vie Romee, veniva considerato come un atto di penitenza, un volersi affidare a Dio sfidando qualsiasi pericolo e intemperie di ogni genere. Oggi, chiaramente, non si corrono più i pericoli dell’epoca, e percorrere questo tratto è diventato un modo per recuperare un certo rapporto con la natura, la storia, le tradizioni e, non ultima, la spiritualità.

E’ un viaggio bellissimo, apprezzato molto anche dagli stranieri, che attraversa scenari incantevoli, dai pascoli valdostani, alle immese pianure della zona Padana, per poi scendere verso le colline emiliane e toscane, arrivando fino ai laghi laziali e, per finire, a Roma.

LA VIA DI SAN FRANCESCO

La vita e le opere di San Francesco hanno, da sempre, un fascino particolare apprezzato dai credenti ma anche dai laici. Questo fa sì che il cammino a lui dedicato, forse anche per la bellezza dei luoghi attraversati, sia uno dei più amati. E’ un tragitto particolare che si compone in realtà di due vie. La via del Nord collega il Santuario de La Verna ad Assisi, mentre invece quella del Sud collega Roma e Assisi. In ogni caso, lo scenario è sempre quello dei colli umbri e di quel cuore verde dell’Italia che rappresenta uno dei paesaggi più belli e ricchi di storia di tutta l’Europa.

LEGGI ANCHE

→ Mete di Primavera: 5 borghi italiani da visitare

→ Puglia: 8 luoghi imperdibili da visitare

→ Dolce Toscana: cosa visitare