Ci sono  delle novità con il decreto Economia, in particolare nel Bonus baby sitter. L’importo raddoppia, passando a 1.200 euro per i genitori con figli fino a 12 anni e a 2mila euro per il personale della sanità e delle Forze dell’Ordine. Inoltre, sappiamo che l’incentivo può essere utilizzato anche per le spese dei campi estivi, per pagare centri con funzione educativa e ricreativa, servizi integrativi per l’infanzia e servizi socio educativi territoriali. I requisiti per la fare la domanda all’INPS restano gli stessi. Stesso discorso vale per coloro che vogliono richiedere il voucher nei prossimi mesi. Ma vediamo insieme nel dettaglio cosa cambia nel Bonus baby sitter 2020 con il decreto Economia.

Ricordiamo che al momento queste notizie sono relative alla bozza del decreto che dovrebbe essere ufficializzato nel giro di un paio di giorni.

BABY SITTER 2020, COSA CAMBIA CON IL DECRETO ECONOMIA: COME FUNZIONA

Quali sono i cambiamenti che subisce il Bonus baby sitter 2020 con il decreto Economia? Vi abbiamo già segnalato che raddoppiano gli importi, almeno secondo la bozza del nuovo decreto. L’incentivo sarà anche più flessibile. Come vi abbiamo anticipato, riguarderà anche i servizi integrativi per l’infanzia e quelli socio educativi territoriale. In base al reddito, le famiglie potranno anche richiedere la detrazione per i centri estivi. Bisognerà attendere la pubblicazione ufficiale del provvedimento per avere delle certezze. Con il Bonus baby sitter 2020 sarà possibile, ovviamente, pagare le prestazioni delle baby sitter che si sono tenute dal 5 marzo 2020, giorno in cui sono state chiuse le scuole. Potranno beneficiare di questa misura le famiglie che hanno bambini fino a 12 anni. Non c’è limite di età per i figli con disabilità. Il personale sanitario e gli appartenenti alle Forze dell’Ordine potranno approfittare di un bonus fino a 1.000 euro.

REQUISITI BONUS BABY SITTER 2020: A CHI SPETTA L’INCENTIVO

Per andare incontro alle famiglie, durante l’emergenza legata al Coronavirus, la Ministra della famiglia Elena Bonetti, con il Ministero dell’Economia, ha scelto di annunciare la volontà del Governo di rendere disponibile il Bonus baby sitter. Verrà erogato dall’INPS come voucher, che potrà essere utilizzato per pagare le baby sitter regolarmente assunte. Nella domanda i genitori dovranno indicare un importo parziale per ciascun figlio fino a 12 anni, restando sempre nel limite della somma massima erogabile. A questo punto, l’INPS procederà con le verifiche.

Ma quali sono i requisiti per poter avere il Bonus baby sitter 2020? L’incentivo è destinato ai genitori di figli di età inferiore a 12 anni alla data del 5 marzo 2020, anche nel caso di adozione e affido preadottivo. Ricordiamo che in presenza di figli con handicap in situazione di gravità non c’è un limite d’età, ma devono essere comunque iscritti a scuole di ogni grado o ospitati in centri diurni a carattere assistenziale. L’incentivo è indicato ai lavoratori dipendenti privati iscritti in via esclusiva alla Gestione separata INPS e ai lavoratori autonomi. Non potranno, invece, richiedere il bonus se l’altro genitore è disoccupato/non lavoratore o con strumenti di sostegno al reddito o se è stato richiesto il congedo parentale per Coronavirus.

QUANDO CHIEDERE IL BONUS BABY SITTER 2020: COME FARE LA DOMANDA

Dopo aver compreso a chi spetta il bonus, tocca pensare alla domanda. Secondo il messaggio numero 1281 del 20 marzo 2020, è possibile richiedere l’incentivo con la procedure web o via telefono con il Contact Center dall’1 aprile. Dunque, in qualunque momento potete recarvi sul sito www.inps.it e cliccare sulla sezione ‘Servizi online’. Dopo di che, andate su ‘servizi per il cittadino’ ed effettuate l’autenticazione con il PIN dispositivo. A questo punto cliccate su domanda di prestazioni a sostegno del reddito, fino ad arrivare a Bonus servizi di baby-sitting. Se preferite procedere con il telefono, potete chiamare il Contact Center Integrato, al numero vedere 803.164 gratuitamente da rete fissa o al numero 06 164.164 da cellulare, pagando in base alla propria tariffa telefonica.

BONUS VACANZE DA 500 EURO- LEGGI QUI LE NEWS