Con le scuole chiuse, sono tanti i genitori che hanno problemi a gestire i bambini a casa e il lavoro. Per tale motivo, il Decreto Rilancio prevede anche il Bonus baby sitter da 1200 euro, la legge 104 e i congedi parentali. Il Decreto Cura Italia, dello scorso 17 marzo, aveva previsto vari provvedimenti per le famiglie, come appunto il Bonus baby sitter, i congedi parentali straordinari retribuiti e i permessi allargati per avere la possibilità di prendersi cura dei parenti con disabilità. Questa agevolazioni saranno presenti anche nel Decreto Rilancio, che dovrebbe arrivare tra la fine di questa settimana e l’inizio della prossima. Vediamo ora insieme come funziona e come ottenere il Bonus baby sitter.

 

LEGGI QUI COME OTTENERE E RICHIEDERE CONGEDO PARENTALE 

BONUS BABY SITTER NEL DECRETO RILANCIO: COME FUNZIONA

Il Decreto Rilancio prevede anche il Bonus baby sitter, che nel Decreto Cura Italia ammonta a 600 euro. Questo incentivo spetta a tutte quelle famiglie in cui vi sono lavoratori dipendenti del settore privato, lavoratori iscritti alla gestione separata dell’Inps e degli autonomi iscritti all’Inps o ad altre casse previdenziali. Per le categorie di lavoratori, come medici, infermieri e personale del comparto sicurezza, il Bonus corrisponde a 1000 euro. Ed ecco che con il Decreto Rilancio la situazione cambia in positivo. Infatti, l’incentivo verrà raddoppiato ed esteso anche a servizi educativi territoriali per i bambini e ai centri ricreativi. Secondo l’ultima bozza passerà da 600 a 1200 euro e da 1000 a 2000 euro.

LEGGI QUI COME FUNZIONA IL BONUS VACANZE DA 500 EURO 

BONUS BABY SITTER CON IL DECRETO RILANCIO, COME RICHIEDERLO

Ma come fare domanda per il Bonus baby sitter? Il procedimento resta lo stesso: è necessario richiedere l’incentivo attraverso l’INPS, accedendo al servizio telematico con le credenziali PIN, SPID, CIE o CNS. Gli interessati possono accedere anche senza queste credenziali al servizio in modalità semplificato, dove potrà essere compilata e inviata la domanda online, inserendo solo la prima parte del PIN, ricevuto via SMS o email dopo la richiesta. Per la fase riguardante i pagamenti tramite il Libretto Famiglia è comunque necessario avere il PIN dispositivo. Altrimenti, la domanda può essere inviata attraverso il patronato o il contact center dell’Inps, chiamando gratuitamente da rete fissa al numero 803 164 o a pagamento da rete mobile al 06 164164.

LEGGI QUI COME FUNZIONA IL BONUS COMPUTER