Il decreto Rilancio p stato firmato e da oggi in Gazzetta Ufficiale possiamo anche leggere il testo integrale del decreto.  Tra le misure più attese dalle famiglie, che stanno aspettando di capire come e quando potranno andare in vacanza, c’è appunto il bonus vacanza. E’ stato definito per molte settimane Bonus Vacanza da 500 euro ma in realtà quella è la cifra massima che una famiglia può avere per andare in vacanza. Non tutti però possono percepire la stessa cifra. Il bonus vacanza è un un contributo fino a 500 euro per le spese sostenute per soggiorni in alberghi, campeggi, villaggi, bed & breakfast in Italia. La misura, prevista nel decreto Rilancio, e vale 2,4 miliardi di euro.

LEGGI QUI: DOVE ANDARE IN VACANZA IN ITALIA ESTATE 2020 

Vediamo in 5 punti tutto quello che c’è da sapere su questo Bonus.

 

 

CHI POTRA’ ACCEDERE AL BONUS VACANZE

Potranno accedere alla misura le famiglie con un reddito Isee fino a 40 mila euro.

COME SI CALCOLA LA CIFRA DISPONIBILE PER OGNI FAMIGLIA?

L’importo è modulato in base alla numerosità del nucleo familiare: 500 euro per le famiglie composte da 3 o più soggetti, 300 per le famiglie di due persone e 150 per le famiglie di 1 persona.

 

CHE DURATA HA IL BONUS VACANZA?

Il contributo sarà concesso dal 1 luglio al 31 dicembre 2020.

CHI RICEVE MATERIALMENTE IL BONUS VACANZA?

L’80% sarà uno sconto diretto sul corrispettivo pagato alla struttura ricettiva, il restante 20% sarà una detrazione dall’imposta sul reddito. La maggior parte del bonus, quindi, sarà anticipato dagli albergatori e solo in un secondo momento rimborsato dallo Stato sotto forma di credito di imposta.

NO ALLE PRENOTAZIONI ON LINE SU PIATTAFORME COME BOOKING

Tra le condizioni per accedere al credito c’è che il pagamento del servizio reso dal singolo albergo, agriturismo o bed & breakfast deve essere corrisposto senza l’ausilio, l’intervento o l’intermediazione di soggetti che gestiscono piattaforme o portali telematici diversi da agenzie di viaggio e tour operator.(F. Sci.) Come potrete immaginare le varia piattaforme telematiche sono già sul piede di guerra ma sembra difficile che otterranno qualcosa, almeno nel breve periodo.