In questa emergenza dettata dal Coronavirus si è sentito tanto parlare di bonus babysitter ovvero la possibilità di usufruire di una somma di denaro da investire per l’accudimento di bimbi al di sotto dei 12 anni di età in caso di genitori lavoratori. L’Inps, che si occupa dell’erogazione di questo bonus, è intervenuta a fare chiarezza mettendo a fuoco alcuni aspetti importanti. Il bonus babysitter vale anche per i centri estivi e per i nonni, se vengono rispettate alcune semplici regole. Scopriamo insieme tutto quello che c’è da sapere per usufruire di questo importante incentivo a favore delle famiglie che, con le scuole chiuse e il lavoro che è ripartito, si trovano in difficoltà nel “sistemare” i figli.

LEGGI QUI LE ULTIME SUL BONUS POS

Bonus baby sitter: chi è escluso

Intanto, l’Inps interviene per restringere il campo e specificare chi non può usufruire del bonus babysitter che può arrivare fino a 1.200 euro ed è rivolto a quelle famiglie (anche affidatarie) con figli al di sotto dei 12 anni. Non possono fare richiesta di questo incentivo nuclei familiare in cui vi è un genitore beneficiario di misure di sostegno al reddito per la sospensione o la cassazione dell’attività lavorativa. Se anche un solo genitore dei due per esempio è in disoccupazione allora il bonus babysitter non potrà essere richiesto. Questo incentivo non è compatibile nemmeno con i congedi parentali anche se in questo caso specifico l’Inps aggiunge che “qualora al momento della domanda il soggetto abbia già fatto richiesta di periodi di congedo autorizzati, ma senza superare i 15 giorni, si potrà beneficiare dell’importo residuo pari a 600/1.000 euro (sempre a seconda della categoria di appartenenza), ferma restando la possibilità di presentare domanda per i giorni residui di congedo non precedentemente fruiti“.

 

Bonus babysitter valido per centri estivi e nonni

Con l’arrivo della bella stagione, in alcune regioni sono ripartiti i centri estivi, con la possibilità dunque di iscrivere i bambini. L’Inps precisa che i bonus babysitter sono validi anche per tutti quei genitori che iscriveranno i figli ai centri estivi e che potranno dunque usufruire dell’incentivo fissato dal Governo. Non solo, perché potranno richiedere l’incentivo anche quelle famiglie che si appoggiano ai nonni per l’accudimento dei bambini. In questo caso c’è una sola regola da aspettare: i nonni non devono fare parte dello stesso nucleo familiare della persona che richiede il bonus ma devono invece abitare e essere residenti in un altro Comune.

Per avere maggiori informazioni sul bonus babysitter, il consiglio è quello di visitare il sito ufficiale dell’Inps nella pagina dedicata. Questo è l’indirizzo da linkare, se lo ritieni opportuno

 https://www.inps.it/nuovoportaleinps/default.aspx?itemdir=53550