Mistero intorno a Naya Rivera, star di “Glee“, scomparsa nelle acque di un lago californiano dove si era tuffata per fare un bagno e rinfrescarsi. Le ricerche sono partite immediatamente e droni e elicotteri sono tutt’ora a lavoro per trovare l’attrice. A dare la triste notizia è stato il dipartimento di Polizia della Contea di Ventura, fuori Los Angeles. L’attrice è stata dichiarata scomparsa ma l’ipotesi più probabile è che sia annegata, forse a causa di un malore. Nel frattempo è stato ritrovato il figlio di 4 anni, da solo, sulla barca dove probabilmente la stessa Naya Rivera si trovava.

Naya Rivera, è scomparsa la star di “Glee”: si teme sia annegata

Si sa ancora poco su questa triste vicenda ma gli inquirenti stanno cercando di ricostruire le ore precedenti alla scomparsa dell’attrice. Si sa che Naya Rivera aveva noleggiato una imbarcazione sul lago Piru, nella contea Ventura, insieme al suo figlioletto. Il lago nelle cui acque l’attrice è poi scomparsa si trova nella Foresta Los Padres National, a circa un’ottantina di chilometri a nord di Los Angeles. A dare l’allarme è stato un altro bagnante che ha notato la barca in cui si trovava solamente il piccolo di 4 anni che, interrogato dagli addetti ai lavori, ha raccontato che la mamma si era tuffata in acqua senza più tornare a galla. Il bambino, al momento del ritrovamento, indossava il giubbotto di salvataggio.

Sono ore di angoscia per la scomparsa di Naya Rivera

Nessuno avanza ipotesi ma quella più probabile è che l’attrice, una volta tuffatasi in acqua, abbia avuto un malore che le abbia impedito di risalire a galla. Naya Rivera ha 33 anni ed è famosa al grande pubblico per il ruolo da protagonista nella popolare serie “Glee” dove interpretava la cheerleader Santana Lopez. Il figlio è nato dalla relazione con Ryan Dorsey dal quale l’attrice si è separata nel 2018 al termine di momenti di forte tensione terminati con l’accusa di lui di violenza domestica (accusa poi ritirata in sede di accordo per la custodia del primogenito).

Pochi giorni prima della sua scomparsa, Naya Rivera aveva pubblicato su Twitter, dove è sempre stata molto attiva, una frase che oggi acquisisce un sapore ancora più triste: “Non importa l’anno, la circostanza o le battaglie di tutti i giorni, essere vivi è una benedizione. Rendi oggi unico e così ogni giorno che ti è dato. Il domani non è certo”.

Intanto continuano le ricerche.