Chi soffre di cervicale infiammata sa bene quanto questo disturbo possa essere invalidante. Il dolore alla zona del collo, quando molto forte, provoca mal di testa, nausea e vomito, capogiri. In estate il problema della cervicale infiammata torna prepotentemente: colpa dell’umidità, del sudore e dei capelli bagnati, oltre che dell’aria condizionata che molto spesso ci “regala” sbalzi di temperatura davvero troppo forti. E insomma per moltissime persone la cervicale infiammata diventa un vero e proprio incubo, un disturbo che molto spesso diventa anche difficile da trattare. Ecco allora qualche consiglio per prevenire il classico dolore al collo e info su cure e rimedi attualmente disponibili.

Cervicale infiammata, i migliori consigli per prevenirla

Per prevenire l’infiammazione della cervicale, il consiglio è quello di evitare tutto ciò che potenzialmente può essere rischioso. In macchina, facciamo attenzione agli sbalzi di temperatura e quando teniamo i finestrini aperti cerchiamo sempre di indossare un foulard che possa proteggere il collo. Anche se le temperature afose di certo non ci invogliano a usare il phon dopo essersi lavate i capelli, facciamo uno sforzo: lasciare i capelli bagnati è molto rischioso per chi soffre di cervicale infiammata. Meglio sempre asciugare bene i capelli, per evitare che l’umidità possa essere causa di dolore. Se sudiamo durante il giorno, teniamo sempre a portata di mano un fazzoletto per asciugare il sudore in eccesso: l’obiettivo è quello di lasciare la zona del collo, fortemente a rischio, il più asciutta possibile.

DOLORE CERVICALE: COSA FARE SE NE SOFFRI

Cervicale infiammata, info su cure e rimedi

Il trattamento della cervicalgia non sempre garantisce risultati in breve tempo. Ci vuole pazienza e costanza nelle cure per ottenere sensibili miglioramenti. Innanzitutto, un buon modo per mantenere i muscoli della zona a rischio flessibili e dunque prevenire l’infiammazione della cervicale è quello di ricorrere a massaggi dolci, a stretching e allungamenti dolci senza sollecitare eccessivamente la zona. Nelle fasi acute del disturbo, spesso si è costretti a ricorrere a analgesici o locali infiltrazioni di cortisone. Quando il dolore al collo non è eccessivo, però, anche il sale caldo può essere di aiuto: applicato sulla zona, contenuto in una federa o un sacchetto di cotone, assorbe l’umidità e rilassa la muscolatura, svolgendo una importante azione benefica contro la cervicale infiammata. Meglio scegliere sale marino integrale o sale dell’Himalaya che sono ricchi di sali minerali che vengono poi rilasciati nel nostro organismo con il calore.