Quante donne, tra lavoro e famiglia, fanno le corse tutta la settimana e poi si trovano nel week-end con la casa completamente sotto sopra, come se ci fosse passato un tornado? Spesso tocca passare gran parte del sabato e della domenica a pulire e pur coinvolgendo il resto della famiglia basta un piccolo contrattempo – una cena, una gita fuori porta, impegni inderogabili – e restano alcune faccende domestiche da rimandare, che poi si accumulano. Come ovviare a tutto questo a vere una casa sempre in ordine?

Riporre ogni oggetto al proprio posto dopo l’utilizzo

Un metodo risolutivo, una soluzione “magica”, non esiste, ma esistono piccoli trucchi che permettono di arrivare al week-end con la casa in ordine e gran parte delle faccende già sbrigate. Uno dei primi trucchi è semplicissimo ma spesso, per pigrizia, non viene attuato. In famiglia deve vigere la regola che ogni oggetto spostato, ogni cosa che viene utilizzata (un cuscino, delle posate, le scarpe, lo shampoo ecc.) va riposta da dove la si è presa. Così facendo, incredibilmente non ci saranno più oggetti fuori posto e la casa sembrerà già molto più ordinata in qualsiasi momento della giornata.

La regola dei cinque minuti: ecco come le faccende da svolgere pesano meno

Questa regola deve valere anche per le stoviglie: ognuno al mattino laverà la propria tazza e il proprio cucchiaio (o in alternativa li sistemerà nella lavastoviglie), così come la tazzina utilizzata a ogni pausa caffè. Grazie a questo semplicissimo – e poco faticoso – accorgimento le stoviglie non si accumuleranno più fino a formare un mucchio da lavare perdendo decisamente più tempo. Un’altra regola per una casa in ordine è quella dei cinque minuti. Quando si hanno cinque minuti liberi, si approfitta per svolgere una faccenda a caso: spolverare il mobile della tv, caricare la lavastoviglie con i piatti del pranzo e della cena, passare l’aspirapolvere, ecc. Sembra incredibile, ma vi accorgerete che cinque minuti o poco più sono sufficienti per fare molte faccende che invece quando si accumulano richiedono spesso anche ore.

Più produttivi in meno tempo

In primis perché si è più stanche, mentre la regola dei cinque minuti (che possono anche diventare dieci, non è necessario essere precisi al minuto) consente di essere più veloci anche perché si stacca dall’attività che si stava facendo in precedenza – leggere un libro, lavorare al pc, ecc. – e si fa qualcosa di diverso. E’ stato infatti dimostrato che cambiando spesso attività sì è molto più produttivi. Vedrete che, come per magia, alla fine della settimane le faccende da sbrigare saranno molte meno e ci si potrà dedicare con soddisfazione al tanto desiderato e meritato tempo libero!

Non perderti nemmeno una news Seguici su Google News