l back to work dopo settimane o mesi di maternità (che avviene solitamente a seconda delle scelte e possibilità della donna appena diventata madre, ndr) porta con sé diversi strascichi di non poche difficoltà per la singola neo madre, soprattutto dal punto di vista psicologico. Non è quindi facile tornare al mondo del lavoro dopo il tempo di astensionismo dallo stesso vissuto alle prese con il pre e post-parto, anche perché la donna può sentirsi divisa nel suo io tra uno spiccato senso del dover rientrare sul posto di lavoro e il senso di smarrimento e responsabilità all’idea di dover lasciare la propria prole a casa per il back to work al lavoro. Ma come può una donna superare questa fase di transizione, dalla gravidanza al ritorno sul posto di lavoro? Nell’articolo in questione abbiamo messo a raccolta tutti i consigli dispensati da una psicologa in aiuto delle donne che si trovino a dover fare i conti con il periodo di maternità.

Come affrontare al meglio il back to work

Così come su consiglio dell’esperta psicologa e psichiatra Elena Benvenuti, la donna e lavoratrice che vive il suo periodo complesso di maternità deve ripetersi a più riprese che non è sola e che può affrontare al meglio la sua fase di transizione di maternità fino al suo rientro al lavoro. Nel Belpaese, nonostante i programmi presentati in materia dalla politica, non esistono concreti e importanti aiuti per la delicata fase della maternità. Per la suddetta psicologa, tuttavia, ci sono diversi consigli da mettere in pratica per riuscire a coniugare il lavoro di mamma con quello di professionista. Anzitutto la donna neo mamma deve riconoscere che nel suo essere madre conta la qualità del rapporto con il figlio e non il numero di ore trascorse insieme. I figli più appagati, conseguenzialmente, sono spesso figli di madri felici, donne che hanno potuto scegliere per se stesse e in modo indipendente.

Altri consigli per un sereno ritorno al lavoro dalla maternità

Una mamma in carriera può vivere la sua maternità come una situazione ansiogena, se non è psicologicamente sostenuta, soprattutto dalla famiglia. Per riuscire a coniugare, quindi, lavoro e faccende da mamma, ogni donna reduce da una maternità e in vista del ritorno al lavoro dovrà architettare un buon piano d’organizzazione, farsi aiutare psicofisica mente dal partner quando ne sente l’esigenza, dedicarsi a qualsiasi attività rilassante e che giovi alla nostra anima.

In ogni donna annida una forza notevole, in molti casi sconosciuta, che ciascuna deve imparare a riconoscere e mettere in pratica nella propria vita, specialmente il prima durante e dopo la maternità.




Non perderti nemmeno una news Seguici su Google News