Quando nasce un bambino la mamma deve aiutarlo a fare qualsiasi cosa, in quanto non è ancora in grado di farlo. Una di queste cose è la gestione della pulizia del naso che nei più piccoli viene fatta con la fisiologica o l’acqua di mare. Inoltre ci sono dei dispositivi per l’aspirazione del muco che facilitano il compito della mamma e rendono il nasino del bambino pulito e libero di respirare al meglio. Ma cosa succede quando il bambino cresce e si deve aiutarlo ad imparare ad autogestirsi?

Rendere il bambino autonomo nel soffiare il proprio naso

La domanda principale è quand’è il momento giusto per insegnare al proprio figlio a soffiarsi il naso. Ebbene sappiate che i bambini raggiungono il controllo completo del respiro e di tutti i movimenti necessari per soffiarsi il naso in modo autonomo a tre anni. L’obiettivo è iniziare a questa età che può fare da solo e che deve tenere pulito il naso anche se non ha il raffreddore.

Il bambino deve capire che così come si tiene pulita la casa e la sua cameretta, allo stesso modo si deve tenere pulito il nasino. Man mano che crescono si deve fargli comprendere che se il naso è pulito si prendono molti meno raffreddori e si respira molto meglio. La cosa fondamentale per fare questo è prima di tutto far capire al bambino cosa significa soffiare il naso. Utile è paragonarlo alla bocca, facendogli capire che come si soffia con la bocca, lo si può fare anche con il naso.

Dovete assolutamente metterla sotto forma di gioco facendo una gara a chi soffia più forte con la bocca. Quando avranno capito il concetto di soffiare allora fategli vedere che la stessa cosa la si può fare anche con il naso. Così facendo non sentiranno questa cosa come un’imposizione e finiranno per farlo da soli come qualsiasi altro gioco.

Una volta compreso il tutto fategli vedere che questa pulizia del nasino va fatta con il fazzoletto e qualche volta lo faranno bene, altre forse no, ma l’importante è che capiscano che è una cosa che possono fare e gestire da soli. Con il tempo poi acquisiranno dimestichezza in questa manovra e una tale autonomia che finiranno per sorprendervi.

Non prendetevela se sbagliano anche quando sono grandi, in quanto molti bambini sono pigri e preferiscono che la mamma gestisca tutto, ma è un’occasione anche questa per dimostrare loro che possono fare da soli e non sempre può esserci qualcuno pronti ad aiutarli e a fare le cose al loro posto.