Farsi la ceretta da sole non è né impossibile né difficile come potrebbe apparire. Certo, ci sono punti difficilmente raggiungibili dove è necessario l’aiuto di un’altra persona, e fare pratica è fondamentale per un risultato omogeneo e soddisfacente, ma le regole base sono molto semplici e basta poco per imparare come fare. E grazie a ciò è possibile risparmiare centinaia di euro ogni anno (perché tanto spendono moltissime donne, in primis ovviamente quelle più “pelose”). Tutti soldi che non vanno necessariamente messi da parte, ma possono al contrario essere reinvestiti in trattamenti di bellezza che prima non ci si sarebbe potute permettere, come i massaggi, la pulizia viso e i più avanzati rimedi anti-cellulite. La prima cosa da fare che si vuole imparare a fare la ceretta da sole, è ovviamente comprare tutto l’occorrente.

La ceretta fai da te è possibile ed economica

Innanzi tutti vanno scartate a priori tutte le cerette già pronte: per intenderci, le strisce con già la colla sopra. Si tratta infatti di meri palliativi che non consentono una rimozione professionale dei peli in eccesso e che al contrario rischiano di spezzarli. Recano inoltre molto più dolore della classica ceretta dell’estetista e per depilare l’intera gamba spesso occorre comprare più confezioni. Se si è alle prime armi, è sconsigliato anche il pentolino dove far sciogliere la cera da applicare sulla pelle mediante apposita spatola. Si tratta infatti di un metodo molto preciso ma altrettanto professionale, che prevede una notevole pratica e preparazione.

Gli strumenti e le tecniche giuste per risultati duraturi

Viceversa, meglio optare per il classico “rullo” con le ricariche di cera che vanno via via cambiate. Il rullo elettrico va attaccato alla presa mezz’ora prima di cominciare la ceretta: questa si riscalderà a sufficienza da poter essere stesa automaticamente – in maniera perfettamente omogenea, senza spreco di prodotto – e rimarrà a temperatura costante per tutto il tempo che durerà la ceretta. Per la sua praticità e per la precisione, il rullo viene ormai ampiamente utilizzato anche dalle estetiste. Una volta stesa la cera nel verso del pelo, bisogna che lo strappo avvenga al contrario; così è più facile rimuovere anche la radice e ottenere risultati duraturi. Per sentire meno dolore possibile, lo strappo deve essere deciso e veloce, e la pelle deve essere tesa al massimo, magari con l’aiuto dell’altra mano nei casi in cui la pelle risulti flaccida o con adipe.

Se si è alle prime armi, poi, è meglio procedere lentamente, stendendo la cera su una piccola superficie da aumentare man mano che si diventa più brave.

Non perderti nemmeno una news Seguici su Google News