Il 16 maggio compirà 60 anni ma non li dimostra per niente! Stiamo parlando di Rita Rusić, ex moglie del produttore Vittorio Cecchi Gori e nuova star dei social.

Qualche giorno fa la donna ha infatti pubblicato sul suo profilo Instagram una foto che ha suscitato molto scalpore. Lo scatto, realizzato davanti allo specchio, la ritrae vestita soltanto con un cappotto bianco che cela, ma non più di tanto, il fisico scultoreo.

La foto ha mandato in visibilio i suoi fan e ha fatto il giro del web, scatenando reazioni contrastanti. Se da una parte ha ricevuto i complimenti di Clizia Incorvaia, ex coinquilina del GfVip, dall’altra ha scatenato i commenti poco piacevoli degli haters.

Da sempre abituata a dividere l’opinione pubblica, Rita ha risposto con calma e ironia anche alle frasi meno carine e lusinghiere nei suoi confronti. C’è addirittura chi le ha scritto che ormai non ha più l’età per spogliarsi.

Chi è Rita Rusić?

L’ex moglie di Cecchi Gori nasce in Croazia dove trascorre i primissimi anni dell’infanzia. Si trasferisce ancora piccola a Busto Arsizio e inizia a frequentare il Collegio delle Bambine di Roma. Queste sono le uniche notizie che riguardano la prima parte della vita della donna. Rita infatti ha sempre celato e nascosto gli anni dell’adolescenza ai pettegolezzi e al gossip. Pare infatti che la sua infanzia sia stata costellata da eventi dolorosi come la permanenza di tre anni in un campo profughi.

La svolta avviene nei primissimi anni ‘80 quando Adriano Celentano la nota e incide insieme a lei il brano Sex without love, che verrà inserito all’interno del film ″Joan Lui-Ma un giorno nel paese arrivo io di lunedì″. Il film si rivela un flop disastroso per il cantante che, nel corso degli anni, aveva preso delle decisioni poco fortunate come quella di scartare la canzone “Nessuno mi può giudicare”, cantata in seguito da Caterina Caselli.

Nonostante lo scarso successo del film, Rita continua la sua scalata nel mondo dello spettacolo. Sul set di ″Attila Flagello di Dio″ conosce Vittorio Cecchi Gori con il quale convola a nozze dopo un fidanzamento brevissimo. La Rusic diventa un’imprenditrice e insieme al marito produce film che hanno fatto la storia del cinema come “La vita è bella” di Benigni. Dall’unione nascono due figli, Mario e Vittoria. La coppia si separa nel 2000 e Rita ottiene un assegno da capogiro.

Nel corso degli anni le sono stati attribuiti numerosi flirt. Quello con Canio Mazzaro, ex della Santanché, dura fino al 2011.

Una donna forte

Boris Pasternak scriveva “Io non amo la gente perfetta, quelli che non sono mai caduti, non hanno inciampato. La loro è una virtù spenta, di poco valore. A loro non si è svelata la bellezza della vita”.

Questo sembra essere proprio il motto di Rita che ha saputo condurre con decisione e coraggio la sua vita, tra gli alti e bassi dell’infanzia e le vicende finanziarie che hanno portato all’arresto di Cecchi Gori per il crac della casa di produzione cinematografica Safin, quotata nella Borsa Milano. La donna infatti ha saputo rimanere accanto all’ex marito anche durante la sua malattia.

Il potere dei social network

Cecilia Cantarano ce lo ha dimostrato: per diventare famosi sono necessari un’idea vincente, qualcosa da dire e un social. La comunicazione sul web, gli scatti fotografici, i messaggi rappresentano il nuovo mood della comunicazione 2.0. Rita ne è la prova. Grazie alla sensualità senza tempo e alla personalità forte e volitiva, è una delle star più amate e apprezzate del mondo social e non solo.

 

Non perderti nemmeno una news Seguici su Google News