La dieta dissociata è un regime alimentare messo a punto dal medico statunitense William Howard Hay e persegue lo scopo sia di tenere sotto controllo le malattie renali, sia di aiutare a perdere peso in modo sano.
Ma come bisogna seguirla per ottenere il massimo dei benefici? Scopriamolo insieme!

Dieta dissociata principi

Come dice la parola stessa, la dieta dissociata consiste nella mancata associazione di alcuni cibi tra loro, in modo da eliminare i chili di troppo e di contrastare il rischio di contrarre le patologie renali.
Infatti, il nostro organismo assorbe gli alimenti in modalità metaboliche differenti e l’assunzione contemporanea di più nutrienti potrebbe affaticare il processo, causando così dei problemi al metabolismo e gastrointestinali.
Pertanto bisognerebbe consumare proteine, grassi e carboidrati in pasti separati per consentire una corretta e completa assimilazione.
Non bisogna inoltre dimenticare che, secondo questo schema, i cibi vengono catalogati in alcalini oppure acidi; per esempio la digestione delle proteine è favorita da un ambiente acido, mentre gli enzimi presenti all’interno dei carboidrati ne preferiscono uno di gran lunga più neutro.

Dieta dissociata regole da seguire

Secondo la dieta dissociata, i carboidrati devono essere sempre consumati a pranzo e mai abbinati alle proteine, in quanto tale abbinamento potrebbe causare gonfiore, pesantezza e aerofagie.
A cena è possibile concedersi solo una piccola quantità dei suddetti, a patto che siano integrali.
Per quanto riguarda invece le verdure, sono perfette da abbinare alle proteine, poiché favoriscono i processi enzimatici.
Le proteine non devono mai essere combinate tra loro, per esempio mai abbinare in uno stesso pasto latticini e legumi oppure carne e pesce.
Sono da preferire le proteine vegetali a quelle animali.
La frutta e i dolci sono invece da mangiare lontano pasti, perché contengono zuccheri semplici e questi ultimi sono le prime sostanze a essere digerite.
I grassi provocano invece dei ritardi alla digestione delle proteine, ma non su quella dei carboidrati.
Naturalmente, come in qualunque regime alimentare dietetico, è vivamente raccomandato limitare il consumo di bevande alcoliche, di alimenti dolci e salati come snack, focacce, pizze, patatine e via discorrendo.

Tutti i benefici della dieta dissociata

Grazie alla dieta dissociata è innanzitutto possibile beneficiare del miglioramento dell’attività psico-fisica.
Un altro vantaggio di questo regime alimentare consiste nella notevole diminuzione di pesantezza, flatulenze, gonfiore, sintomi legati alla fermentazione dei cibi e aerofagia.
Non è necessario infine conteggiare le quantità di cibo in maniera precisa e ciò può rivelarsi molto utile se non si dispone sempre di una bilancia.

Dieta dissociata controindicazioni

Visto che la dieta dissociata non prevede la misurazione precisa delle quantità dei cibi, è sconsigliata ai soggetti affetti da diabete, alle donne in stato di gravidanza, ai bambini, durante l’età senile e nel periodo di menopausa.

 

Non perderti nemmeno una news Seguici su Google News