Alzi la mano chi non vorrebbe avere capelli sani, folti e lucenti. Una chioma in perfetta forma è un formidabile biglietto da visita.

Il problema è che la resistenza della fibra capillare è messa a dura prova da nemici come phon, piastra, inquinamento atmosferico e prodotti troppo aggressivi.

La decolorazione capelli inoltre insieme alla permanente e alla stiratura chimica, penetrano in profondità andando ad alterare la struttura interna dei capelli con conseguenze spesso disastrose. Correre ai ripari è fondamentale per restituire tono e vigore alla nostra chioma. Ma è proprio necessario utilizzare prodotti super costosi? Facciamo il punto della situazione.

Capelli sani: le buone abitudini

Sgombriamo il campo da ogni dubbio: i prodotti di nicchia aiutano ma spesso hanno lo spiacevole effetto collaterale di svuotare il portafoglio. Per ridare tono alla capigliatura spenta e stressata possiamo adottare delle buone abitudini che aiutano con il tempo a riparare la fibra capillare.

La prima consiste nell’evitare di strofinare i capelli appena lavati con l’asciugamano di spugna. Le fibre di questo tessuto infatti unite allo sfregamento vigoroso rischiano di spezzare e indebolire il fusto capillare. Non solo, il movimento che facciamo non fa altro che aumentare il crespo nei capelli.

Il consiglio che ti diamo è quello di investire una decina di euro in un buon asciugamano di microfibra. Tutto quello che devi fare dopo il lavaggio è tamponare i capelli delicatamente per togliere l’eccesso di acqua.

Dormi sulla seta

Il metodo cgm capelli è utile soprattutto per chi è riccia. Esistono però una serie di consigli che possono essere seguiti anche dalle lisce. Uno di questi consiste nel suggerimento di dormire su una federa di seta. Questa fibra naturale infatti non rovina i capelli e impedisce che lo sfregamento notturno possa danneggiarli.

Lo shampoo

La cura dei capelli passa attraverso un protagonista assoluto: lo shampoo. Il problema è che spesso contiene tensiottativi, parabeni e siliconi che a lungo andare danneggiano e opacizzano il fusto. I migliori shampoo per capelli sono quelli che contengono pochissimi ingredienti, meglio ancora se completamente naturali.

Per detergere il cuoio capelluto secco puoi utilizzare prodotti come la farina di ceci o le erbette ayurvediche che contengono saponine vegetali oppure ricorrere al cosiddetto cowash ovvero lavare i capelli con due cucchiai di zucchero di canna e un balsamo privo di siliconi. Dopo un massaggio di due o tre minuti, risciacqui e asciughi.

Nel caso tu abbia la forfora e la cute grassa, puoi eliminare i prodotti aggressivi che usi solitamente a favore di uno shampoo fai da te super efficace. Devi semplicemente inumidire i capelli, e spalmare sul cuoio capelluto una crema realizzata con 2 cucchiai di bicarbonato di sodio e acqua. Lasci agire per 15 minuti e poi risciacqui. Il risultato ti stupirà: i capelli saranno morbidi, puliti e privi di forfora.

Puoi anche provare a fare una maschera con una cipolla frullata diluita con un poco’ di olio di cocco. La tieni in posa per 15 minuti e poi procedi al lavaggio. L’olio ha il compito non solo di ammorbidire i capelli ma anche di assorbire l’odore penetrante della cipolla.

E per chi non ha voglia di utilizzare il fai da te? In commercio puoi trovare numerosi prodotti, come lo shampoo Garnier Hair Food, formulati per chi desidera prendersi cura di se stessa con detergenti naturali e in perfetto stile veg.

Infine non dimentichiamo l’alimentazione. Una dieta ricca di sali minerali e vitamine è l’elemento fondamentale per avere capelli sani e curati.

 

Non perderti nemmeno una news Seguici su Google News