La pandemia da Coronavirus ci ha abituato nel corso di questi lunghi mesi a improvvisi colpi di scena e scoperte inaspettate. Il copione del resto era prevedibile. Il Covid 19 è un virus sconosciuto che, come abbiamo visto, muta molto rapidamente.

Da un anno a questa parte abbiamo iniziato a misurarci con parole, concetti e oggetti dei quali prima si sapeva poco e niente. La popolazione mondiale ha imparato a fare i conti con concetti come lockdown, smartworking, distanziamento sociale, dpcm. Nella nostra vita quotidiana sono entrati oggetti come sanificanti, guanti di lattice, saturimetri.

Il saturimetro e la pelle scura

Nella lotta al SARS-CoV, il saturimetro è stato ed è tuttora uno strumento fondamentale tanto che l’opinione pubblica aveva ipotizzato una sua inclusione nell’aliquota zero prevista per i dispositivi diagnostici per Covid-19 daldecreto milleproroghe 2021.

Secondo la Food and Drug Administration questo piccolo dispositivo potrebbe non funzionare perfettamente per tutti coloro che hanno la pelle scura, dando risultati finali imprecisi e sottostimati. Secondo il dottor William Meisel questi oggetti, utili per misurare i livelli di ossigeno, hanno presentato dei limiti e delle difficoltà non previste nella lettura dei “dati” derivanti da pelle con pigmentazione scura.

L’importanza del saturimetro e le evidenze scientifiche

Il Covid 19, come ben sappiamo, attacca i polmoni esponendoli al rischio di polmonite interstiziale, come quella che ha portato al decesso di Pasquale Cutolo in carcere. Per battere sul tempo la velocità di replicazione e frenare quello che è a tutti gli effetti il decorso tipico del covid ed evitare così conseguenze serie, è necessario monitorare una spia molto importante: la quantità di ossigeno nel sangue. Questo è il motivo per cui il pulsossimetro è diventato uno strumento di uso quotidiano, presente in quasi tutte le case.

I ricercatori però hanno osservato un dato molto importante. I neri americani e la popolazione latinoamericana presentano quattro volte in più la probabilità di essere ricoverati in ospedale con COVID-19 rispetto alle altre etnie.

In uno studio di laboratorio condotto dall’Università di San Francisco su 36 soggetti con pigmenti cutanei variabili, i ricercatori hanno scoperto che l’accuratezza del piccolo dispositivo varia a seconda della pigmentazione della pelle, specialmente in combinazione con basse saturazioni di ossigeno.

Il rapporto della FDA si è basato su un altro studio condotto stavolta dal dottor Michael Sjoding dell’Università del Michigan. Questa ricerca ha avuto un campo d’azione più ampio perché si è basata su un campione di 10mila pazienti. L’esito finale è stato inaspettato: il saturimetro ha dato un risultato fuorviante sull’11,7% dei pazienti con pelle scura contro il 3,6% dei pazienti bianchi.

Perché la lettura non è accurata nei pazienti con pelle scura?

La spiegazione dei risultati ottenuti dagli studi americani è molto semplice. Il pulsossimetro funziona attraverso una duplice luce rossa che viene inviata verso il dito. Dall’altra parte dell’apparecchio c’è un sensore che rileva la presenza di questa luce e analizza il colore del sangue: il sangue rosso vivo è altamente ossigenato, mentre quello blu o violaceo lo è meno.

Questo aspetto punta il focus su un elemento fondamentale. Se il saturimetro non è calibrato sulla pelle scura, la pigmentazione può influire sul modo in cui tale luce viene analizzata e assorbita.

La conseguenza è che il personale sanitario, alla luce di questa scoperta, deve affiancare al saturimetro altri strumenti diagnostici nel caso di pazienti con pelle scura

Non perderti nemmeno una news Seguici su Google News