La Juventus, in occasione del posticipo serale del lunedì contro il Crotone, aveva un solo obbligo, ovvero vincere. E alla fine così è andata, con una bella partita segnata dallo strapotere tecnico di un fenomeno come Cristiano Ronaldo.

Il campione portoghese ha siglato una doppietta sul finire del primo tempo che ha messo in ghiaccio la sfida, ben giocata dalla squadra di Andrea Pirlo.

Difficoltà che persistono per un Crotone che deve guardare ad altre gare sicuramente per ottenere punti utili in chiave salvezza. Ma la situazione resta davvero molto complicata e il prossimo match contro il Cagliari potrebbe essere un autentico dentro-fuori: perdere vorrebbe dire essere con un piede già in serie B.

Andando alla gara, sicuramente il pensiero della Juventus era rivolto a quell’amaro pareggio dello Scida, nel girone d’andata. La gara dunque non era delle più semplici, nonostante la carta dicesse Crotone ultimo.

Tante assenze per mister Andrea Pirlo: Bonucci, Chiellini, Cuadrado e Dybala, e con Rabiot squalificato, il tecnico ha dovuto fare di necessità virtù. In porta Buffon, con Demiral in mezzo a comandare la difesa. Dentro anche Ramsey, preferito a Bernardeschi.

Il tecnico del Crotone, Giovanni Stroppa, ha risposto con un 4-4-2 provando a contenere quanto più possibile le folate della Juventus. I calabresi hanno resistito, mostrando anche una certa veemenza nel difendere e contrattaccare, ma quando contro hai Ronaldo tutto diventa più complicato.

Nel primo tempo è Reca a spaventare Buffon, mentre Ronaldo nella prima mezz’ora sembra un po’ fuori dal match. Le ripartenze sono state l’unica arma ben sfruttata dal Crotone che ha creato qualche interessante chance. Col passare dei minuti però la Juventus ha iniziato a creare gioco, pressando i difensori ospiti e inducendoli all’errore.

Dopo una traversa di Ramsey al 39°, arriva il gol del vantaggio con Cristiano Ronaldo: cross di Alex Sandro da corner, si smarca il portoghese che trova lo stacco e batte Cordaz.

Al 46° minuto è ancora Ronaldo a segnare, dopo una corta respinta del portiere calabrese, proprio lui è andato a rimettere dentro il pallone che ha messo in discesa una gara che presentava qualche ostacolo non da poco.

Una vera e propria mazzata per il Crotone che si trova ad andare a riposo sotto di due gol, subiti sul finire del primo tempo. Nel secondo tempo, Stroppa prova ad abbottonarsi ma può poco, soprattutto in fase offensiva. Diventa una sorta di gara di allenamento per la Juventus che non subisce mai grossi pericoli.

Anzi, ne crea diversi con Ronaldo e Alex Sandro che non riescono a trovare la porta con belle conclusioni. Il tris è arrivato per opera di McKennie che trova la girata di sinistro sugli sviluppi di un corner. Lo statunitense è sempre più al centro del progetto tecnico della Juventus ed è un’autentica rivelazione della stagione attuale di serie A.

Da segnalare che nel corso del secondo tempo, Andrea Pirlo ha gettato nella mischia anche il giovane Fagioli di cui si parla molto bene. Stesso anche per Di Pardo, due elementi interessanti che potrebbero avere le loro chance da qui a fine campionato.

Rientro in campo anche per Morata che ha messo minuti nelle gambe, utili soprattutto in chiave Champions League.

Non perderti nemmeno una news Seguici su Google News