Uno ha studiato Economia, l’altro Architettura. In comune hanno gli stessi tratti somatici e la passione per la musica. Sono i gemelli Dellai, i fratelli che porteranno sul palco del festival di sanremo 2021 un progetto musicale nato durante il lockdown del 2020.

Chi sono i fratelli Dellai

A voler vedere per forza il lato positivo dello scorso marzo 2020 potremmo dire che lo stand by dettato dal lockdown abbia condotto molti giovani artisti a riflettere sul proprio futuro.

È senza dubbio il caso dei fratelli Dellai che sono cresciuti a pane e amore per la musica. A tredici anni il padre regala loro una vecchia chitarra con la quale iniziano a strimpellare le prime canzoni. Uno frequenta anche il Conservatorio oltre alla facoltà di Economia, l’altro invece si dedica agli esami di Architettura.

Lo scorso anno, complice la reclusione forzata imposta dal Coronavirus, decidono di rimettere mano alla loro passione. Nasce così il brano Non passano gli aerei. Lo pubblicano, ha successo, si iscrivono ad Area Sanremo. Il resto è storia. Il brano Io sono Luca vince e i gemelli entrano di diritto tra i cantanti sanremo 2021 nella categoria Nuove proposte.

I fratelli Dellai stentano ancora a credere che stasera scenderanno quelle scale. Secondi in scaletta dopo Davide Shorty, porteranno in scena un brano che non è stato scritto per l’occasione ma giaceva sul fondo di un cassetto da qualche anno.

Il brano

Ma chi è il Luca al quale è dedicata la canzone?

Luca, dicono i Dellai, siamo tutti noi. Un nome che comprende un’intera generazione, il disagio, la speranza e il coraggio. Un po’ cabarettisti, un po’ introspettivi, i due ragazzi hanno confezionato una ballade autobiografica che però, secondo gli addetti ai lavoro che hanno avuto modo di ascoltarla, riesce a parlare un linguaggio universale.

Le strofe raccontano la complessità delle sfide quotidiane, la possibilità di cadere ma la necessità di rialzarsi subito, continuando a vivere quell’immensa partita a scacchi che è la vita.

Partecipazione a rischio

Poco prima di arrivare a Sanremo i fratelli Dellai hanno avuto il timore di non poter prendere parte alla gara canora. L’esito di un tampone molecolare ha infatti dato riscontro positivo, imponendo ai due ragazzi lo stop immediato. In quel momento, dicono, stavamo per perdere tutte le speranze. Il sogno accarezzato da tempo sembrava dissolversi tra le maglie del virus.

Dopo la quarantena ripetono il test che finalmente dà esito negativo. I gemelli possono affrontare la sfida del palco più temuto e desiderato d’Italia. Per i due ragazzi sarà la prima vera esibizione pubblica, considerato che si sono sempre esibiti virtualmente.

A dirigerli sarà un maestro d’orchestra, Federico Mecozzi, che con i gemelli condivide la giovinezza ma anche le origini visto che sono tutti nati a Rimini. Il musicista è alla seconda apparizione sul palco dell’Ariston. Nel 2019 infatti ha diretto l’orchestra nel brano Nonno Hollywood interpretato da Enrico Nigiotti.

La gara delle nuove proposte

La gara delle Nuove Proposte di Sanremo 2021, che vede come ospite fisso Achille Lauro, prevede soltanto due gironi composti ognuno da quattro cantanti. I primi due classificati di entrambe le serate guadagneranno l’accesso alla finale di venerdì che vedrà la sfida tra i quattro cantanti.

La prima serata ha visto trionfare Gaudiano con ″Polvere da sparo″ e Folcast con ″Scopriti″.

Non perderti nemmeno una news Seguici su Google News