La tre giorni europea ritrova il sorriso grazie ai risultati ottenuti dalle squadre italiane in Europa League. Dopo infatti la cocente delusione dell’eliminazione della Juventus agli ottavi di Champions League contro il Porto, arriva il promettente pareggio del Milan, anche se ottenuto in extremis, sul campo dell’ostico e temibile Manchester United e la convincente vittoria casalinga della Roma di Fonseca ai danni dello Shakhtar.

I giallorossi passano in vantaggio al 23° con Pellegrini, servito da Pedro, le restanti due reti arrivano sul finire del secondo tempo, al 73° con El Shaarawy subentrato al 62° a Pedro, e al 79° con Mancini, al suo quinto sigillo stagionale, su assist di Cristante.

La squadra di Fonseca mette perciò una serie ipoteca all’accesso ai quarti di finale di Europa League. Il ritorno in Ucraina allo stadio Olimpiyskiy si giocherà giovedì prossimo con calcio d’inizio alle 18.55, una partita nella quale potrebbe bastare soltanto la lucidità di controllare il risultato senza troppi affanni.

Shakhtar pericoloso all’Olimpico in una sola occasione nella quale si è dimostrato all’altezza Pau Lopez uscendo a valanga e chiudendo il tiro di Junior Moraes, ma il primo tempo dello Shakhtar è deludente e nella ripresa, dopo un inizio un po’ più aggressivo finisce per arrendersi alla distanza.

Fonseca in apertura di gara sorprende tutti con una formazione che nessuno si aspettava. Lascia fuori Smalling preferendo all’inglese Cristante che garantisce forse meno abilità difensiva ma una maggiore qualità in fase di costruzione.

L’altra novità di giornata è l’attacco romanista, dove viene inserito Mkhitaryan coadiuvato alle sue spalle dalla tecnica di Pedro e gli inserimenti di Pellegrini, che oggi ha giocato una partita da assoluto protagonista, dai quali, da uno di questi, nasce proprio il gol del vantaggio giallorosso.

La partita porta in dote una notizia buona, il ritorno in campo e al gol del faraone che la tifoseria giallorossa si augura possa fare la differenza in questo finale di stagione e la tegola rappresentata dall’infortunio di Mkhitaryan che al 35° è costretto a uscire, sostituito da Mayoral, non certo ottenendo gli stessi risultati dell’armeno.

L’agevole vittoria mette la Roma nelle condizioni di pensare al ritorno con più serenità e concentrarsi maggiormente sulla partita di domenica contro il Parma, dove servono tre punti in chiave Champions.

La squadra di Fonseca infatti occupa attualmente il quarto posto, l’ultimo a disposizione per la qualificazione alla competizione più importate d’Europa, ma è tallonata dall’Atalanta di Giampiero Gasperini che insegue con un solo punto di distanza e dal Napoli di Gattuso, distanziato di tre punti ma con ancora una partita in meno, quella contro la Juventus che finalmente sarà recuperata mercoledì 17.

Ancora più importante risulta essere questa vittoria alla luce della partita successiva al ritorno degli ottavi di finale, che vedrà la Roma ospitare all’Olimpico proprio il Napoli, suo concorrente diretto per la caccia al quarto posto.

Contro lo Shakhtar e la lunga trasferta in terra ucraina sarà fondamentale quindi risparmiare le energie per destinarle tutte al campionato, considerando la possibilità di poter far rifiatare le pedine importanti della squadra, applicando con una certa tranquillità un dose massiccia di turn-over.

 







Non perderti nemmeno una news Seguici su Google News